Centro Studi l'Uomo e l'Ambiente

Informazioni

Giardini di Prossimità | La Natura come Bene Comune

06/06/2019
Giardini di via del Purgatorio a Prato

 


La grande festa per l'inaugurazione dell'opera  Giardino Evolutivo, realizzata nei Giardini di via del Purgatorio a Prato.

Arte e botanica riuniscono adulti e bambini di etnie diverse nella creazione di uno spazio pubblico condiviso.
La biodiversità che insegna a migliorare il luogo dove si vive, si lavora e si studia.
In uno dei quartieri più complessi di Prato il progetto vincitore del bando Creative Living Lab 2018, intervento promosso e sostenuto dalla Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e patrocinato dal Comune di Prato. 
Il quartiere si chiama il Soccorso e si sviluppa intorno alla chiesa di Santa Maria del Soccorso il cui nome trae origine da un miracolo raccontato nel 1570. L’area si caratterizza per un’elevata densità abitativa sviluppata principalmente durante il boom economico degli anni '50, seguendo la sorte di altre zone della città interessate dalla peculiare identità di distretto industriale.
Qui si concentrano gli insediamenti delle comunità di diverse nazionalità presenti in città.
In particolare i residenti stranieri nel quartiere sono aumentati del 32 % solo negli ultimi otto anni. La zona, alle porte del centro storico, è diventata quindi il quartiere multietnico per eccellenza con oltre 100 etnie presenti registrate all'anagrafe.
Tanti, e di tutte le nazionalità gli stranieri che lo scelgono come dimora, innestando altri cambiamenti sul fronte sociale ed economico, con lo sviluppo di attività commerciali di tipo etnico e una presenza forte di stranieri di seconda e terza generazione all'interno delle scuole del Comprensivo Curzio Malaparte. 
Il quartiere è caratterizzato da forti contrasti architettonici: una grandissima concentrazione abitativa e produttiva ed una evidente carenza di piazze, spazi di aggregazione e di aree verdi pubbliche.
Il progetto Giardini di Prossimità | La Natura come Bene Comune  nasce esattamente come un lungo e capillare intervento di sostegno e coinvolgimento della popolazione scolastica e residente su un territorio che presenta notevoli complessità.
All'inizio di marzo è stata realizzata la prima installazione artistica collettiva, con la piantumazione con gli abitanti del Soccorso e la partecipazione dei alcune classi delle scuole Collodi di un Frutteto di Prossimità, guidata dall'artista Luigi Coppola. L'intervento con la messa a dimora di 15 alberi di frutti minori e antichi donati dall'Oasi Apistica Le Buche di Poggio a Caiano e da privati cittadini crea un primo presidio di biodiversità all'interno dello spazio.