Centro Studi l'Uomo e l'Ambiente

Informazioni

I.1.8l Come i nutrienti vengono resi disponibili per le piante

Qui di seguito vengono analizzati due nutrienti: Azoto e Fosforo

Azoto

L’azoto è uno dei principali nutrienti necessari alla crescita delle piante. Per le piante la fonte di rifornimento è duplice: l’azoto presente in forma gassosa nell’aria e nel suolo e quello contenuto nella materia organica in decomposizione.

Per poter essere utilizzato per la crescita dei vegetali, l’azoto deve presentarsi in forma di nitrato. I batteri giocano un ruolo fondamentale in questa trasformazione. L’azoto gassoso del suolo diventa azoto pronto all’uso per le piante ad opera di alcuni batteri che convivono con le radici di alcune leguminose, come ad esempio pisello, trifoglio e erba medica. È la fissazione simbiotica dell’azoto. Anche altri batteri del suolo contribuiscono al rifornimento di azoto per le piante mediante la decomposizione di materia organica.

Questi processi sono parte integrante del ciclo dell’azoto. Quando l’azoto scarseggia nei terreni agricoli, gli agricoltori lo aggiungono al terreno con i fertilizzanti azotati.

Fosforo

Anche il fosforo è indispensabile alla crescita di tutti gli organismi viventi. La fonte principale del fosforo utilizzato dalle piante è la materia minerale del suolo. Tuttavia, molti tipi di suolo non forniscono una quantità sufficiente di fosforo alle piante coltivate, così da garantire loro una crescita ottimale, poiché questo elemento è poco solubile nel terreno. In piccola quantità proviene dalla degradazione di materia organica.

È quindi necessario aggiungerlo al terreno sotto forma di fertilizzante per ottenerne una presenza equilibrata.

I ricercatori mirano a isolare funghi microscopici capaci di rendere disponibile per le piante, in modo efficiente, il fosforo del terreno.

Torna indietro