Centro Studi l'Uomo e l'Ambiente

Informazioni

CowWiew monitora il benessere delle vacche da latte

6 Ottobre, 2014

Una branca di ricerca del progetto europeo per la zootecnia di precisione (EU-PLF) sta studiando la possibilità di impiegare dei sistemi di posizionamento delle vacche da latte all’interno di ambienti chiusi in cui gli animali abbiano libertà di movimento.

Il sistema oggetto di studio è CowView, sviluppato dall'azienda tedesca  GEA Farm Technologies, e a condurre la ricerca è INRA, l’Istituto Nazionale Francese per la Ricerca in Agricoltura.
CowView è un sistema in grado di monitorare l’animale 24h al giorno, per 7 giorni alla settimana e per 365 giorni l’anno (sistema 24/7/365). CowView è uno dei metodi disponibili sul mercato per il monitoraggio del bestiame con libertà di movimento. In particolare, il collare sviluppato da GEA per le vacche da latte raccoglie informazioni su ciascun capo 24/7 (24 ore al giorno per 7 giorni) e quindi fornisce altre utili indicazioni, tra cui l’estro e l’eventuale presenza di malattie.
Per ottenere tutte le informazioni desiderate CowView si avvale di sensori posizionati nell’ambiente e sul collare di ciascun capo. Dal monitoraggio in continuo dei movimenti e del comportamento di ciascun animale, si evincono eventuali cambiamenti nelle abitudini alimentari o comportamentali che generano degli allarmi direttamente recapitati all’allevatore via smartphone, tablet o pc.
Il sensore di posizione permette inoltre di individuare immediatamente l’animale da sorvegliare anche in mezzo a 2000 altri capi di bestiame.

La ricerca, oltre all’applicabilità del sistema di monitoraggio indoor, si propone di approfondire la conoscenza sul benessere animale e sulla produttività, in modo da ottimizzare le nuove applicazioni della zootecnia di precisione e massimizzarne la resa. L’indagine è cominciata a maggio 2014 nella fattoria di Theix in Bretagna e si protrarrà fino alla fine del 2016.
La fattoria di Theix alloggia 48 vacche libere di muoversi; sono presenti diversi cubicoli, le mangiatoie sono individuali e provviste di sensori per il monitoraggio della quantità di cibo ingerita e gli abbeveratoi sono anch’essi muniti di sensori per quantificare la quantità di acqua consumata. Nella stalla sono presenti inoltre altri sensori ambientali per monitorare altri parametri, tra cui le emissioni di metano. Ad ogni capo è stato applicato un collare e la posizione delle vacche viene calcolata usando una triangolazione passiva dei segnali emessi dal collare. Le informazioni vengono quindi inviate ad un processore centrale (hub).
L’INRA ha cominciato a raccogliere i dati a maggio scorso e la grande quantità di dati raccolti ha reso necessaria la creazione di nuovi modelli per la gestione e lo sviluppo dei dati.
Molti problemi sono stati riscontrati a causa della tipologia della stalla di Theix: i cubicoli in legno sono separati e i soffitti sono bassi. Tali caratteristiche hanno abbassato la qualità del segnale di posizionamento e, nonostante alcune opportune manipolazioni al software, i dati raccolti non sempre hanno la precisione desiderata. La ricerca quindi si sposterà entro la fine dell’anno a Marcenat, Monts d’Auvergne (Francia) in un luogo più idoneo, costruito con materiali alternativi (non legno) in modo da non interferire con la trasmissione dei segnali. Inoltre, viste le problematiche riscontrate a Theix, si provvederà a posizionare meglio sia le mangiatoie e gli abbeveratoi all’interno nella stalla, sia la posizione stessa del tag trasmettitore sul collare. Infatti dati gli spazi ristretti e il grande numero di animali (questa stalla ospiterà 168 capi) è necessaria una notevole precisione del segnale per identificare senza dubbio l’attività di ogni singolo capo.
In questa nuova stalla tutta la tecnologia verrà potenziata e si installerà anche una linea per l’analisi del latte.

 

Per saperne di più:
EU-PLF
GEA Farm Technologies