Centro Studi l'Uomo e l'Ambiente

Informazioni

“Recovering New Orleans after Katrina" e "Veneto Adapt". Enti Locali uniti contro gli effetti dei cambiamenti climatici

12 Ottobre, 2018

Presentati a Padova i primi risultati del progetto europeo che mira a rendere il Veneto una regione resiliente 


Mercoledì 10 ottobre al Comune di Padova si è svolto l'incontro dal titolo “Recovering New Orleans after Katrina. Regenerate community. Restore city". Il professore Edward Blakely, l'uomo che ha portato alla rinascita di New Orleans dopo il devastante passaggio dell'uragano Kathrina, ha illustrato gli interventi effettuati applicando strategie di riattivazione delle reti locali e di promozione culturale.  Amministratori, tecnici e studiosi veneti hanno potuto quindi approfondire i temi della gestione del rischio e delle emergenze post disastro direttamente da uno dei più grandi esperti mondiali del settore.

La relazione ha offerto l'occasione per riflettere sul progetto “Veneto Adapt – Central VENETO Cities netWorking for ADAPTation to Climate Change in a multi-level regional perspective”, un progetto che, avviato nel luglio 2017 si concluderà nel 2021. Finanziato dal programma comunitario LIFE per circa 3 milioni di euro,  vede la collaborazione attiva di numerosi e qualificati partner: Coordinamento Agende 21 Locali Italiane, Università IUAV di Venezia, Sogesca Srl, Città Metropolitana di Venezia, Comune di Treviso, Comune di Vicenza, Unione dei Comuni del Medio Brenta, coordinati dal Settore Ambiente e Territorio del Comune di Padova, ente capofila. 
Obiettivo di questi Enti è  minimizzare il rischio climatico nelle città del Veneto attraverso l'elaborazione di una strategia di adattamento condivisa e unitaria realizzando a livello locale misure concrete di adattamento e sviluppando una metodologia condivisa su scala regionale, sperimentando iniziative e azioni pilota nell'area del Veneto Centrale, un territorio che comprende 3,5 milioni di abitanti, colpiti, negli ultimi anni, dalle conseguenze tangibili del climate change.


Per approfondire leggi il comunicato stampa
e il volantino relativo a "Veneto Adapt" sotto allegati